lunedì 24 luglio 2017

21 luglio 2017: UN GRANDE CONCERTO DEDICATO AL TENORE MARIO DEL MONACO


21 luglio 2017: 

UN GRANDISSIMO CONCERTO!
UN BELLISSIMO CONCERTO!
UN GRANDISSIMO SUCCESSO! 
Il prossimo 27 luglio, MARIO DEL MONACO compirà 102 anni: è con grandissima commozione che dico “BUON COMPLEANNO, MAESTRO!”
Laura Rocatello
—————————-

Ritengo opportuno trasferire notizie e resoconto relativi al  Concerto emozionante tenuto Venerdì 21 luglio – ore 21.15
Auditorium “Mario Del Monaco” – p.zza Pinarello, Catena di Villorba (TV)
Titolo del concerto: “UNA SERATA COSI’ GRANDE”         
Appuntamento dedicato alla lirica e alla canzone popolare italiana della prima metà del Novecento.
Una serata da non perdere dove baritono e soprano, accompagnati al pianoforte, ripercorreranno arie di opere famose ed evergreen nell’Auditorium dedicato al grande tenore Mario Del Monaco.



——————————
Gli Artisti:
Daniela Del Monaco, soprano (allieva del Maestro Claudio Del Monaco)
Ljubodrag Begovic, baritono del Teatro di Belgrado (allievo del Maestro Claudio Del Monaco)
Michele Bolla (del Testro “LA SCALA” di Milano), Maestro al pianoforte
——————————

Così,la redazione cultura e spettacoli dell’Ansa ha trasmesso nel tardo pomeriggio del 20 luglio 2017:
Musica: A Villorba, CONCERTO NEL SEGNO DI MARIO DEL MONACO
Protagonisti: due allievi del figlio Claudio, stimato in Serbia
(ANSA) – BELGRADO, 20 luglio 2017
La grande tradizione musicale legata al celeberrimo tenore Mario del Monaco verra’ riproposta in un concerto in programma domani sera a Villorba, in provincia di Treviso, all’Auditorium intitolato al grande Maestro italiano.
Protagonisti di “UNA SERATA COSI’ GRANDE”, appuntamento con la lirica e la canzone popolare italiana della prima meta’ del Novecento’ – questo il titolo dell’evento – saranno il  soprano Daniela del Monaco e il baritono Ljubodrag Begovic, entrambi allievi di Claudio del Monaco, figlio del grande Mario.
Con loro il pianista della Scala di Milano Michele Bolla.
Il programma prevede musiche di Verdi, Lehar, Donizetti, Ponchielli, Wagner, Bixio, Gastaldon.
Il concerto, del quale Claudio del Monaco e’ stato promotore, si tiene con il supporto della Provincia di Treviso e della Regione Veneto.
Regista e Maestro di canto, Claudio del Monaco e’ stato a lungo in passato protagonista della scena musicale e artistica in Serbia, con la direzione – negli anni novanta – del Teatro Nazionale di Belgrado e del Teatro Nazionale Serbo di Novi Sad, incarichi di successo che hanno suscitato ammirazione e larghi consensi da parte del pubblico, della critica e della stampa di quegli anni.
Claudio del Monaco e’ stato, anche in passato, Consigliere Personale del Ministro della Cultura Serbo, tutti incarichi finora mai ricoperti da uno straniero. (ANSA)
————————-
L’auditorium è affollatissimo, tanto che si devono tenere aperte le porte d’entrata perché il pubblico non trova più posto, MA può ascoltare dall’esterno.
GRANDI EMOZIONI!!!
Inoltre, vengono eseguiti TRE BIS, mentre il pubblico CHIEDE ANCORA di ripetere!!!


PROGRAMMA DELLA SERATA:
DEDICATO A MARIO DEL MONACO e OMAGGIO ALLA LIRICA: UNA SERATA COSI’ GRANDE
_____________________________________________

1. LA TRAVIATA,  Giuseppe Verdi: Di provenza il mar, il suol (Giorgio Germont)
Baritono Ljubodrag Begovic
2 . IL PAESE DEL SORRISO,  Franz Lehár: Tu che m’hai preso il cor,
Soprano Daniela del Monaco

3. L’ELISIR D’AMORE, Gaetano Donizetti: Come Paride vezzoso (Belcore) 
Baritono Ljubodrag Begovic 

4. LA GIOCONDA, Amilcare Ponchielli: Suicidio 
Soprano Daniela del Monaco 

5. SILENZIO CANTATORE, Gaetano Lama 
Baritono Ljubodrag Begovic)

6. LOHENGRIN, Richard Wagner: Entweihte Goetter (Ortruda) 
Soprano Daniela del Monaco 

7. INTERMEZZO MUSICALE eseguito dal Maestro al pianoforte Michele Bolla 


8. MAMMA, Cesare Andrea Bixio 
Baritono Ljubodrag Begovic

9. MUSICA PROIBITA, Stanislao Gastaldon
Soprano Daniela del Monaco

10. CHITARRA ROMANA,
 Bruno Cherubini/Eldo Di Lazzaro
Baritono Ljubodrag Begovic 

11. DICITINCELLO VUIE, Rodolfo Falvo (testo di Enzo Fusco) 
Soprano Daniela del Monaco

Resoconto battuto al computer da Laura Rocatello




venerdì 9 giugno 2017

TRISTANO E ISOTTA di Richard Wagner

TRISTANO E ISOTTA di Richard Wagner

Tristano conduce Isotta alla volta della Cornovaglia, recandola in sposa a RE MARKE, dimenticando che Isotta, un giorno, gli ha salvato la vita.
ISOTTA ordina alla sua ancella BRANGANIA di preparare un veleno per se e per TRISTANO:
L’ancella lo sostituisce con un filtro d’amore: quando essi bevono insieme il filtro, una passione li attrae l’un l’altro.
MA è risaputo che TRISTANO e ISOTTA SI AMAVANO GIA’ DA PRIMA perché avevano letto AMORE nei loro SGUARDI: infatti, quest’opera è definita anche “L’OPERA DEGLI SGUARDI”.

Il 10 giugno 1865, al Teatro “KÖNIGLICHES HOF-UNS NATIONALTHEATER di Monaco di Baviera, veniva rappresentata per la PRIMA volta l’opera “TRISTANO E ISOTTA” di RICHARD WAGNER, diretta da HANS VON BÜLOW.
E’ definita l’opera più bella di Wagner.
Lauretta 


Il castello di Tristano, nel III atto dell'opera di Wagner: 


lunedì 22 maggio 2017

LIFE TODAY IMAGES OF THE NATIVE OF AMERICA


LA STORIA DI JIM THORPE - IL CAMPIONE NATIVO AMERICANO SENZA PACE.

Costanzo Tristano Fiorini a TURTLE PEOPLE - NATIVE AMERICANS
LA STORIA DI JIM THORPE - IL CAMPIONE NATIVO AMERICANO SENZA PACE.
Jim Thorpe nacque da genitori nativi con sangue francese e irlandese nelle vene. La madre, dandolo alla luce, vede un raggio di luna entrare nella capanna dove vive, e decide: “Si chiamerà Sentiero Lucente”. In realtà viene registrato come Jacobus Franciscus Thorpe, ma il suo nome indiano è già anche un destino, almeno a metà: il sentiero per lui sarà lucente, brillerà fino agli ori olimpici di Stoccolma 1912, salvo poi adombrarsi fino all’eclisse, quando un’accusa di professionismo gli toglierà premi e meriti.
Da piccolo, Jim, cresciuto nei boschi della riserva, si avvicina allo sport attraverso la scuola. Si distingue dai coetanei per il fisico già strutturato e per la strepitosa attitudine sportiva. Il piccolo “Sentiero Lucente” è un ribelle, ma grazie al suo insegnante e allenatore Glenn Warner entra nella squadra di atletica della Carlisle High School, e comincia a giocare a football e a baseball, riversando la sua energia nell’agonismo. E vince, tutto. Nell’atletica, in particolare. Spicca nel salto alto in alto, nel lungo, negli ostacoli, e poi anche pentathlon e decathlon.
Ora Jim è un ragazzone alto 1,80 per 86 chili, conteso dalle squadre di football e baseball anche se può giocare solo d’estate. Durante l’anno si impegna con la squadra di atletica, tanto da qualificarsi alle Olimpiadi di Stoccolma in quattro specialità: pentathlon, decathlon, lungo e alto. Si narra che, a bordo della nave degli atleti statunitensi ormeggiata nel porto di Stoccolma, il coach Usa fosse in difficoltà con Jim, che invece di allenarsi dormiva. “Ma coach - rispondeva - ho appena sognato di allenarmi!”.
Bottino di Jim “Sentiero lucente” a Stoccolma 1912: due ori - decathlon e pentathlon -, quarto nel salto in alto, settimo nel salto in lungo. Re Gustavo V di Svezia vuole incontrarlo per fargli i complimenti di persona, ma quando i suoi inviati lo vanno a prendere sulla nave Usa trovano solo il coach che li congeda con una scusa. Infatti Jim è ubriaco fradicio, sta dando calci alle porte delle cabine urlando “Sono un cavallo!”: festa estrema, ma anche avvisaglie di alcolismo, che lo distruggerà anni più tardi. Re Gustavo lo incontrerà il giorno dopo, e gli dirà: “Sir, lei è il più grande atleta del mondo”. Jim risponde: “Grazie, re”.
Ma nel 1913 il giornale sportivo “Worcester Telegram” denuncia Thorpe per professionismo: aveva giocato a baseball in squadre pro. Il Cio cancella a Jim tutti i risultati e tutti gli onori. Non serviranno le scuse ufficiali, né l’ammissione di colpa (“Ero uno scolaro indiano che non sapeva niente di queste cose”). “Sentiero lucente”, amareggiato dallo scandalo che lo ha rovinato, ripiega sul baseball, carriera con cui manterrà sé e la famiglia fino al 1929. Dopo il ritiro finisce a fare il carpentiere a Los Angeles. Un giorno qualcuno a Hollywood si ricorda di lui e per 1.500 dollari ricava dalla sua storia un film con Burt Lancaster (Pelle di rame, 1951). Il Sentiero si avvia verso il crepuscolo.
Nel 1952 scopre di avere un tumore. I medici non riescono a fare niente: il suo cuore, minato dall’alcol, cede a un infarto il 29 marzo 1953. Jim muore nella roulotte dove vive, alla periferia di Los Angeles. Le medaglie olimpiche che aveva dovuto restituire nel 1913 furono riconsegnate ai figli nel 1983 dal presidente del Cio, Juan Antonio Samarach, che ne ripristinò la memoria con una cerimonia pubblica.
Un paese in Pennsylvania comprò i resti dell'indiano per ospitarli in un museo a pagamento: il giudice ha deciso che non potranno essere trasferiti nella riserva dove nacque. (Chiara Turrini)