lunedì 11 dicembre 2017

7  dicembre 2017, ore 20,30 - " CONCERTO DELLA SOLIDARIETA' "
Credo che SIA GIUSTO anticipare che il soprano DANIELA DEL MONACO, al termine della sua esibizione dell' "AVE MARIA" di Bach/Gounod, HA RICEVUTO PARECCHIE OVAZIONI e IL PUBBLICO SI E' ALZATO IN PIEDI PER RENDERLE ONORE.  
NON E' POCO!  




Passo a spiegare che il Teatro Parrocchiale di Silea (Treviso) è molto carino e contiene ben 400 posti e che, qui, questa sera, viene tenuto un bellissimo Concerto di Natale. 
Concerto intitolato ad una cosa bellissima: LA SOLIDARIETA'; concerto organizzato da "IL TUO SORRISO" (nata nell'anno 2011, questa Associazione Onlus è RICONOSCIUTA dalla Regione VENETO). 
Tale Associazione è nata con lo scopo di aiutare le persone diversamente abili e ha messo a loro disposizione un luogo-spazio "amico" nel quale potere trascorrere svago e sostegno nelle ore diurne, oltre ad occuparsi anche di altre COSE IMPORTANTISSIME attraverso un 
grande progetto che possa CONTRASTARE il BULLISMO e la LUDOPATIA:DIPENDENZE, sicuramente, PROVOCATE DA DISAGI INTERIORI, INSODDISFAZIONI, FRUSTRAZIONI

Fra le personalità presenti in sala, troviamo 
CLAUDIO DEL MONACO: secondogenito del grande tenore MARIO DEL MONACO, Claudio è baritono, regista di opere liriche e Maestro insegnante di Musica.
Mi è ancora di grande piacere ricordare che 
Claudio del Monaco e’ stato, anche in passato, Consigliere Personale del Ministro della Cultura Serbo, tutti incarichi finora mai ricoperti da uno straniero di quella Nazione. (ANSA) 


I cantanti solisti sono: 
MARINA DE RONCHI (soprano) DANIELA DEL MONACO (soprano)
Inoltre:
PAOLO RILOCAPRO
 (violinista) EDOARDO BOTTACIN (organista/tastierista)


"
PIPES OF PEACE" (coro e voci bianche dirette da MARINA DE RONCHI)CORALE "SANTA MARIA DE FONTANIS" (diretta da MARIA LUCIA GIRARDI)Il Maestro EDOARDO BOTTACIN accompagna il soprano MARINA DE RONCHI, la quale esegue "PIE JESUS" di Gabriel Fauré e, nel contempo, dirige il Coro di Voci Bianche "PIPES OF PEACE".
Coro di Voci Bianche che delizia il pubblico attraverso brani come "WHITE CHRISTMAS" del grande Berlin, "SE CREDERAI" (dal film "Il Principe d'Egitto"), "AMEN" (composizione "gospel"), "SANTA CLAUS" (J. F. Coots), IMNE DE FRATERNISE (Philippe Rombi), . . . 

Sempre il Maestro 
EDOARDO BOTTACIN accompagna il soprano DANIELA DEL MONACO che si distingue in "AVE MARIA" (Johann Sebastian Bach/Charles Gounod), "PANIS ANGELICUS" (del Belga César Franck), "PIETA' SIGNORE" (Alessandro Stradella), "O SOLE MIO" (degli Italiani Capurro-Di Capua-Mazzucchi). 
La bellissima 
CORALE "SANTA MARIA DI FONTANIS" (di Fontane di Villorba di Treviso) è diretta dalla Professoressa MARIA LUCIA GIRARDI e partecipano i Maestri EDOARDO BOTTACIN PAOLO RILOCAPRO nei brani: "AMORE MIO NON PIANGERE" (canto popolare), "MAMMA MIA DAMMI CENTO LIRE" (canto popolare), "ADESTE FIDELES" (attribuita a John Francis Wade), "JINGLE BELLS" (Lord James Pierpont), . . . 

Il Maestro all'organo, 
EDOARDO BOTTACIN, e il Maestro al violino, PAOLO RILOCAPRO, eseguono "WHAT CHILD IS THIS?" (William Chatterton Dix) e "GESU' BAMBINO" (Pietro Tosi).UN GRANDE APPLAUSO PER TUTTI GLI ARTISTI! 

Laura Rocatello

lunedì 27 novembre 2017

GIULIA TOBALDI canta l'aria di Leonora dal I atto de IL TROVATORE di Verdi

Immagine del profilo di Giulia Tobaldi, L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano


Questo è il giovane e valido soprano GIULIA TOBALDI.
Accompagnata al pianoforte dal Maestro LEONE MAGIERA, canta "Tacea la notte placida" e la cabaletta dal I atto de "IL TROVATORE" di Giuseppe Verdi.
Lauretta/Arridateci Piero Angela

venerdì 3 novembre 2017

3 novembre: BUON COMPLEANNO, MAESTRO BELLINI!



 Vincenzo Bellini

Il 3 novembre 1801, a Catania, nasceva il suo “CIGNO”: VINCENZO BELLINI.
 
Fra le opere musicate, spiccano capolavori come “LA SONNAMBULA”, “NORMA”, “I PURITANI”.
 
Da quest’ultima opera, ascoltiamo il duetto “SUONI LA TROMBA E INTREPIDO” con PIERO CAPPUCCILLI e NICOLAI GHIAUROV, sotto la Direzione Orchestrale del Maestro RICHARD BONYNGE.
 
Lauretta
.
 
https://youtu.be/HjGzBsKbLv8
.

giovedì 19 ottobre 2017

16 ottobre 1982: MARIO DEL MONACO CI LASCIAVA


Il 16 ottobre 1982, alle ore 17,30, Mario Del Monaco si spegneva in un’anonima stanza dell’Ospedale di Mestre, dov’era stato ricoverato d’urgenza per una crisi cardiaca. Era un grigio pomeriggio d’autunno e il sole quel giorno, discretamente nascosto dietro le nubi, stava tramontando un’ultima volta nella vita del più grande tenore drammatico del novecento. Diversamente dagli anni precedenti, per questa ricorrenza vogliamo ricordare Mario Del Monaco attraverso le testimonianze e le parole dei familiari, di colleghi e amici di un artista che ha dedicato tutta la sua vita al teatro, anche imponendosi regole ferree per offrire al pubblico il meglio di sé e delle proprie potenzialità. Le testimonianze che abbiamo raccolto non sono poche, si tratta di filmati anche datati ma è quanto di meglio siamo riusciti a recuperare. Per non tagliare eccessivamente gli interventi di ognuno, stiamo valutando se suddividere il video completo appena assemblato, in due o più parti. Questo, per contenere in termini ragionevoli la lunghezza dei singoli post che pubblichiamo da oggi su questa pagina, per il 35° anniversario della scomparsa del grande, grandissimo tenore Mario Del Monaco.


lunedì 25 settembre 2017

8 ottobre 2017: Concerto Lirico Vocale presso “Associazione Lirica MARIO DEL MONACO”, Modena

8 ottobre 2017: Concerto Lirico Vocale presso “Associazione Lirica MARIO DEL MONACO”, Modena



FERDE GROFé: GRAND CANYON SUITE

< L’opera musicale più celebre di FERDE GROFé è la suite “Grand Canyon”, iniziata nel 1921 e conclusa nel triennio 1929-1931, appartenente al versante colto della musica novecentesca.
< Questa sua composizione abbina felicemente la vena naturalistico-descrittiva all’amabilità delle melodie e il gusto per l’orchestrazione.
< Come un album di cartoline illustrate (e, come più tardi definito, uno spettacolo musicale in CinemaScope, questo lavoro rievoca, in cinque episodi, una serie di paesaggi fra i più spettacolari di tutta l’America: vi si ritrovano un’alba suggestiva (L’aurora), un deserto ravvivato da colori e da rifrangenze luminose (Il deserto dipinto), il paesaggio fumettistico di un mulo che incede sobbalzando su uno dei sentieri che collegano il plateau col fondo del canyon (Sul sentiero), un tramonto incantato (Il tramonto) e, in ultimo, un nubifragio che si abbatte sulla regione fra tuoni e sibili di vento (Il nubifragio).
Omaggio da parte di Lauretta
.
Ascoltiamo la suite sinfonica il cui brano più noto è “On the trail” (Sul sentiero):